03.08.2004, Peccia

Angelo "Leadbelly" Rossi

Angelo "Leadbelly" Rossi

Uno dei migliori Blues Men in Italia

E’ una grande responsabilità per un musicista portare il soprannome che fa riferimento ad un bluesman del passato. La difficoltà sta proprio nell’essere all’altezza di cotanto nome “Leadbelly” e diventarne un erede del patrimonio musicale. Conoscendo a fondo il suo idioma e cercare di diffonderlo con lo stesso spirito comunicativo. Angelo “Leadbelly” Rossi ha scelto di iniziare la sua attività di bluesman acustico ispirandosi proprio a lui. La scelta non è casuale, Angelo nel suo essere musicista di blues, ha stati d’animo molto vicini al suo mentore. Con la stessa enfasi assume sembianze di songster. Proponendo una musicalità versatile che pesca anche nella tradizione acustica bianca, unita a doti di intrattenitore, divertente ed ironico; sa concentrarsi sul drammatico ed evocativo blues del delta, sa esternare l’emozionante espressività sacra del gospel. Il tutto è messo in atto da un canto che gli permette di passare da toni aspri e lamentosi, a quelli più dolci, accompagnandosi con le sue chitarre, armonica, suonati con la stessa istintività e purezza del canto. Lo sanno bene quelli che lo hanno visto dal vivo nei maggiori blues festival in Italia ai quali è stato invitato, ma anche in frequenti concerti nei locali, manifestazioni etc. Fondamentali per la sua crescita sono stati anche la lunga collaborazione con il grande bluesman nero americano Larry Johnson e i frequenti viaggi nel Mississipi, durante i quali è venuto a contatto con un blues più marcato ed immediato, assimilato dopo aver visto dal vivo e conosciuto personalmente TM Ford. Da questa esperienza è nata in lui l’esigenza quasi morbosa di riproporre quelle sonorità, alternativamente ai passi da solista, trovando un valido sostegno nella batteria di Angelo Piombo.