04.08.2004, Cevio

Nick Becattini & Serious Fun, Elizabeth Lee & Cozmic Mojo

Nick Becattini e Elizabeth Lee sotto la poggia a Cevio

Non possiamo iniziare a raccontarvi quanto avvenuto durante la prima delle due serate di Cevio senza citare l’ottimo grado di professionalità dimostrato da tutto lo staff tecnico di Vallemaggia Magic Blues, che ha reso possibile i due concerti in programma, in condizioni meteo decisamente proibitive. E così, senza neanche accorgersene siamo arrivati all’ultima settimana di questa terza (splendida) edizione del Magic Blues. Dopo il fuoco pirotecnico della scorsa settimana, con due concerti che difficilmente scorderemo, l’ottima band del chitarrista Anthony Gomes e gli eccezionali Nine Below Zero, chi si attendeva un calo di tensione è stato prontamente smentito. Gli organizzatori hanno piazzato come gruppo di apertura alla prima serata di Cevio nientemeno che i Serious Fun di Nick Becattini, che sta diventando quasi quasi il testimonial della manifestazione. Già autore di un ottimo concerto come gruppo accompagnatore di Peaches Staten a Giumaglio, Nick ha confermato ancora una volta la sua statura di ottimo musicista blues. Siamo certamente di fronte ad uno dei migliori chitarristi blues italiani, e, come già ebbi modo di scrivere qualche settimana fa, la line-up del suo gruppo attuale (molto compatta) è una delle migliori che abbia mai avuto. Peccato per il cattivo tempo che ha sicuramente tenuto lontano molti spettatori. Alla centuria di irriducibili presenti Becattini ha offerto un set più Bluesy, meno immediato, rispetto a quello con Peaches Staten, ma ha rivelato in pieno l’anima e i gusti del musicista. Quasi tutti i brani sono composti dal chitarrista toscano (da citare il Medley, un lento, comprendente Summertime, Pistoia Blues, Ain’t no sunshine e In the morning con un ammirevole caldo assolo di chitarra. Come sempre di grosso spessore gli interventi di Mimmo Mollica all’armonica.
Viva attesa e curiosità per la cantante Elizabeth Lee, accompagnata dai suoi Cozmic Mojo, per la prima volta in assoluto in Ticino. Ebbene l’artista texana, ma residente da due anni in Italia, non ha deluso le aspettative. Ha semmai sorpreso per la forza d’urto, tutt’altro che femminile, della sua musica, una miscela di chiara matrice rock anni settanta con grosse influenze punk, evidenti soprattutto nel chitarrista Luca Gallina. Dotata di una splendida voce, che ricorda a tratti Bonnie Riatt, ma in modo forse più marcato certi accenti di Patti Smith, Elizabeth Lee ha saputo coinvolgere ed affascinare il pubblico, grazie ad un’ottima presenza scenica. Il set presentava brani composti quasi esclusivamente dalla cantante, provenienti dai suoi numerosi lavori. Da segnalare una “dura” Try Harder, una Walking the dog con accenti blues molto personali. Interessanti tra le cover la versione molto particolare di I got my mojo working e soprattutto di Mercedes Benz, brano della Joplin, interpretato con una voce splendida, molto vicina alla grande Janis, e scusate se è poco! Oltre al già citato Luca Gallina ha impressionato il batterista Beppe Facchetti, vero motore della formazione, curiosamente senza bassista, ruolo ricoperto dalla chitarra baritono del terzo bresciano del gruppo, Luca Manenti. Pioggia e vento a parte, serata sicuramente riuscita anche questa penultima. In attesa di redigere un commento completo, possiamo già affermare che questa edizione ha confermato in pieno la qualità dell’evento valmaggese

Elizabeth Lee & Cozmic Mojo

I musicisti provenienti da varie esperienze musicali(rock, blues, pop) hanno trovato nel blues il punto d'incontro e di partenza per un nuovo viaggio.

Il progetto Elizabeth Lee&Cozmic Mojo é il frutto della collaborazione tra l'artista texana Elizabeth Lee e la band italiana Cozmic Mojo. Elizabeth nasce in Texas e inizia la sua carriera musicale molto giovane. Seguendo il suo sogno arriva a New York (via Europa... dove ha avuto la prima vera illuminazione) e ha dato vita a una band folk-rock Elizabeth Lee Band, con cui ha cominciato la sua vera attività live, innumerevoli concerti sia oltreoceano che nella Big Apple tutte le volte che vi rientrava. Ha vissuto a N.Y. per dieci anni, lavorando anche come modella e barista e registrando due dischi: DON'T RUB ME THE WRONG WAY e TEXAS BOUND. Durante le registrazioni di quest'ultimo si é spostata a Nashville, sempre più vicino al... Texas. E' qui che ha incontrato un grande chitarrista/produttore, Larry Chaney. Ha registrato poi il terzo album: MILAGRO, più rock, più funk e più blues. Ha ottenuto un contratto con la Taxim Records in Germania e il successivo tour ha incluso Francia, Inghilterra, Germania, Spagna e Australia. Si sono poi mossi da Nashville a Austin TX dove ha preso una pausa di cinque anni per la nascita del figlio Angel. Larry è attualmente a pieno tempo nella band di Edwin Mc Cain, un artista molto conosciuto negli Stati Uniti (ha venduto piu di due milioni di dischi). Elizabeth e Larry hanno poi composto e prodotto YOU GOT THAT RIGHT e poco dopo TRIO TEXAS in collaborazione con gli artisti texani Pat O'Brian e Temple Ray a cui é seguito un nuovo tour europeo. Nel dicembre 2003 ha appena terminato le registrazioni del nuovo album LONGHORNS & CHINAMEN a cui é seguito un tour europeo con la band Cozmic Mojo. Maggiori informazioni su Elizabeth si possono trovare sul sitohttp://www.jambkitchen.com. Cozmic Mojo é il progetto di tre musicisti italiani : Luca Gallina, Luca Manenti e Beppe Facchetti. I tre musicisti provenienti da varie esperienze musicali(rock, blues, pop) hanno trovato nel blues il punto d'incontro e di partenza per un nuovo viaggio. Il suono della band é particolare e alternativo, questo dovuto all'aproccio non convenzionale del gruppo con questo genere musicale. La collaborazione con Elizabeth ha dato frutto all'album autoprodotto COZMIC MOJO (registrato e prodotto in Italia). Quello che sembrava un occasionale collaborazione per l'album si é trasformato in un nuovo progetto e nuova band: Elizabeth Lee & Cozmic Mojo.

Website

Nick Becattini & Serious Fun

Nick Becattini è dotato di talento e cultura musicale particolari, che trovano espressione in uno stile chitarristico caldo e aggressivo, ricco di una solida ritmica e di un solismo lirico fortemente influenzato dai grandi del Blues, che gli consente di muoversi con padronanza e personalità in atmosfere a cavallo tra blues, rock, funk, soul, swing, r&b, etc. creando una formula musicale originale che ama definire "acid Blues" Da Pistoia, sua città natale e patria del famoso blues festival, ha mosso passi da gigante che durante la sua carriera ormai quindicinale, lo hanno portato ad esibirsi in decine di blues festivals e centinaia di clubs in giro per il mondo, suonando con i migliori musicisti italiani e statunitensi, Dopo le prime esperienze con varie band locali, gli anni passati con la Model T-Boogie di Giancarlo Crea (86/90) e i concerti a fianco di Albert King, Johnny Copeland, etc., Nick si è trasferito a Chicago(90/93) entrando a far parte da subito dell'attivissima scena cittadina suonando con Billy Branch, Phil Guy, Sugar Blue, etc. Durante l'intero periodo passato a Chicago ha fatto parte della Son Seals'Chicago Fire Band(artista Alligator Records, fra i migliori esponenti del duro sound chicagoano) con il quale ha girato Stati Uniti ed Europa, avendo modo di raffinare ulteriormente le proprie doti musicali e di arricchire il proprio bagaglio di esperienza e professionalità. Il periodo a Chicago si caratterizza anche per l'intensa attività svolta al Rosa's Lounge di Tony Mangiullo, che ha portato alle collaborazioni con Melvin Taylor, Sugar Blue, Lucky Peterson, Peaches, Moto Makino ed in special modo con Buddy Scott "The Illinois King of Blues" (purtroppo scomparso nel 1994) animatore fra l'altro, delle jam session settimanali al Rosa's, durante le quali Nick membro fisso della house band, ha avuto modo di acquisire un'approfondita conoscenza di un vasto repertorio di standard blues, r&b e soul style Chicago. Tornato in Italia nel 1993, inizia la collaborazione con i Blues Harbour di Mimmo Mollica, incide "Live at Campanile" con Ollie Nightngale, cantante soul di Memphis, effettua tournées tramite l'agenzia Feelin'Good con Linda Young, Sharon Clark, Doug Jay, Keith Dunn. Dall'aprile '94 è alla guida dei Serious Fun, corposa e versatile formazione di grande talento e carica, in grado di mettere ben in evidenza le doti del leader, con la quale ha già all'attivo numerose collaborazioni (Pinetop Perkins, Carey Bell, Sam Goode, Sharon Clarke, Keith Dunn, Andy J. Forrest, Shay Jones, Rudy Rotta) apparizioni televisive, partecipazioni ad importanti festival blues, e la registrazione del CD "Nick Becattini & The Serious Fun with special guest Keith Dunn" uscito nell'estate del 1995 su SAAR Records.

Website