13.07.2005, Giumaglio

Kent DuChaine, Tishamingo

I Tishamingo fanno il pieno al Vallemaggia Magic Blues

Riuscitissima serata, tutta stelle e strisce, mercoledì sera a Giumaglio. Finalmente anche il tempo ha dato una mano agli organizzatori. Come già per le scorse edizioni la piazza si è ben presto riempita di gente, desiderosa di ascoltare della buona musica. Ad aprire la serata, di ritorno in Ticino dopo 12 anni, un talento residente in Georgia, Kent DuChaine, un vero e proprio “studioso e missionario” del blues. Seppure in solitaria, ha saputo mantenere costantemente alta la tensione per tutto il set proposto, grazie alla straordinaria carica e passione che trasmette ad ogni brano. Notevole anche la sua abilità tecnica con Bessie, la sua National Steel Guitar (a volte si stentava a credere che ci fosse solo lui sul palco), non disgiunta da una gran bella voce. Accanto a brani originali e a classici del delta blues, di Robert Johnson soprattutto, DuChaine ha presentato una paio di brani di musicisti meno conosciuti, come Johnny Shines e Bukka White, noti solo ai veri appassionati di blues. A seguire una gran bella rivelazione. Annunciati come gli eredi dell’inarrivabile Allman Brothers Band, i Tishamingo, gruppo della Florida, hanno certamente chiari rimandi al southern rock, non tanto del primo periodo (primi anni’70) del gruppo che fu di Duane e Gregg Allman, ma, piuttosto, della versione 1973-81, quella “capitanata” da Dickey Betts. Il tipico sound a due chitarre soliste ne è l’evidente conferma. Ma l’ottimo quintetto del Tallhassee è lungi dall’esserne un semplice clone. Molto più marcato l’influsso country e il debito verso un’altra icona degli anni sessanta/settanta, i Grateful Dead. A differenza di questi però, il gruppo sentito a Giumaglio rifugge le a volte lunghissime jam, oggi molto di moda negli States (vedi gruppi come Phish, ora scioltisi, Widespread Panic e molti altri, in toto debitori dei Dead). Accanto a brani originali, il quintetto del Tallahassee ha proposto brillanti cover di Joe Walsh, dei Lynyrd Skynyrd e dei “mitici” Little Feat. Musicisti tecnicamente molto dotati, (soprattutto Jess Franklin alla slide e Jason Fuller alle tastiere) hanno confermato la tendenza in atto un po’ ovunque, il recupero di stilemi degli anni d’oro del rock, non disgiunto da un attento studio delle varie correnti allora in auge. Non tutti i gruppi però riescono nella sintesi di questi generi. I Tishamingo fanno parte della schiera dei migliori e sicuramente ne sentiremo ancora parlare in futuro. Intanto, per chi c’era, l’occasione di aver ammirato in un ambiente ideale una musica sempre viva e capace di coinvolgere anche le nuove generazioni e non solo qualche nostalgico incallito.

Kent DuChaine

Blues come credo, missione e scopo di vita

Sono sempre più rari i musicisti per i quali la musica significa davvero tutto e questo bianco “bluesman” del Minnesota appartiene a questa minoranza. “Quando hai il blues nel sangue, non puoi fare nient’altro che vivere il suo passato e il suo futuro“ questo è anche il motto di Kent. Una missione che si ripete per lui nelle notti americane di città in città e di concerto in concerto. Il suo spettacolo è convincente, estasiante e impetuoso, celebra il Blues insieme al suo alter ego, la “National Steel Guitar”. Per mezzo del suo strumento riesce a trasmettere al pubblico il suo forte talento. Per molti anni ha accompagnato il grande Johnny Shines (che a sua volta nei tardi anni ‘20 ha vagabondato con il famoso Robert Johnson) e per questo esiste un forte legame con una delle più grandi leggende e con i tempi eroici e drammatici del Blues. Nonostante sia un compositore e scrittore di testi di gran talento, testimonia in ogni concerto il suo rispetto nei confronti degli eroi passati del blues con canzoni scelte e interpretate con cura. I suoi fans non ne hanno abbastanza dei suoi album visto che anche dopo il decimo CD non c’è stata alcuna flessione nelle vendite. Il suo ultimo CD „She’s Irresistible“ è sicuramente un esame di maturità della sua opera di compositore, scrittore di testi, cantante e chitarrista. Incredibile come egli riesca a rendere in musica dalla prima all’ultima canzone allo stesso altissimo ed intenso livello. E dallo studio dei testi in copertina si può facilmente comprendere perché la vedova di Johnny Shine, Candy Martin, abbia dato a Kent la chitarra di suo marito scomparso.

Website

Tishamingo

TiSHAMiNGo è un gruppo di vecchi amici del Tallahassee, Florida. Il loro stile musicale è il “blues-based rock & roll with soulful singing”. In modo particolare si è sviluppato come segno identificativo della band il tipico gioco a due chitarre. Si sente come il Rock, il Blues e la musica Soul dei tardi anni 60 e dei primi anni 70 abbiano influenzato i musicisti della band. Cameron e Proc già ai tempi di scuola suonavano e componevano per la banda locale “Black Creek”. In occasione dei loro tours dal '93 al '95, Black Creek suona con pezzi grossi nazionali come i Widespread Panic, la Derek Trucks Band, e Tinsley Ellisun, solo per nominare alcuni di loro. Ex membri dei Black Creek suonano oggi con i Sister Hazel, afro-Caribbean jam band Chupacabra, King Daddy Zeb e Ween. Dopo Black Creek, Cameron e Proc fondano la Uptown Rudy, una band soul/funk dotata di strumenti a fiato. Uptown Rudy produce con John Kurzweg un CD. Subito dopo Cameron si trasferisce a Aspen, Colorado, dove fonda la band “Jes Grew” e fa numerose tournée in tutta la parte occidentale degli Stati Uniti. Jess e Spivey fondano la “Jess Franklin and the Best Little Blues Band” ancora negli anni di scuola. Jess diventa presto cosi famoso, che numerosi noti musicisti vanno ai concerti solo per sentire suonare "the kid". The Best Little Blues Band fa diverse tournée soprattutto nel sud degli Stati Uniti e suona con calibri come B.B. King, Gov't Mule, the Derek Trucks Band e Kenny Wayne Sheppard. Cameron e Jess iniziano regolarmente dopo le loro Gigs alle Jam Sessions a suonare insieme. Presto si sviluppa tra i due una speciale alchimia e viene automaticamente il desiderio di fondare un nuovo gruppo. Per completare la band, la scelta dei due cade in modo spontaneo su Spivey e Proc. Un primo lavoro in un grande magazzino del Tallahassee - e nascono così TiSHAMiNGo.

Website