19.07.2007, Giumaglio

Cek Deluxe Blues Band, Ford Blues Band

Ford Blues Band su livelli di eccellenza

Il Magic Blues ha vissuto a Giumaglio la settimana californiana. Sia la band di Patrick Ford che l’esplosiva Gail Muldrow vivono da quelle parti. Il livello della rassegna si è mantenuto altissimo, anzi sembra migliorare di concerto in concerto! Mercoledì era di scena la Ford Blues Band, pur orfana di Robben Ford, sempre in grado di convincere gli estimatori. Il concerto non solo ha mantenuto le attese. Il quartetto si è espresso su livelli di eccellenza. La grande esperienza accumulata in più di trent’anni on the road, i vari mutamenti di organico e la volontà di inserire sempre nuovi stilemi fanno del gruppo una delle più belle realtà del Blues bianco. L’esperienza maturata permette inoltre ai quattro di cogliere gli umori della piazza e di gestire alla grande la performance. La band è composta da quattro musicisti di grande caratura. Molto bravi i due frontman, l’armonicista Andy Just e il chitarrista Volker Stifler, che si sono anche alternati come lead vocalists. Specialmente interessante il fraseggio e gli assolo di Stifler, mai ripetitivo e dotato di un tocco alla volta raffinato e trascinante, anche alla slide. Impressionante il lungo assolo di Dewayne Pate al basso a sei corde e sempre rigoroso, mai sopra le righe, il drumming di Patrick Ford, leader molto riservato di questa band. Il genere proposto, come detto, affonda le radici in quello che alcuni definiscono il Blues bianco, che negli anni sessanta ha avuto tra i suoi epigoni proprio quel Paul Butterfield del brano Get yourself together, con il quale Andy Just e compagni si sono congedati (un omaggio doveroso per ogni armonicista). Il gruppo ha proposto principalmente brani originali, poche le cover, tra le quali una versione molto personale di Spoonful. A aprire la prima serata il nuovo gruppo di Cek Franceschini, spostatosi marcatamente verso l’ hard rock. Il trio ha rivisitato, tra gli altri, brani noti dei Rolling Stones Brown sugar e Miss you, oltre ad un curioso arrangiamento di Venus degli Shocking Blue!

Cek Deluxe

Nel 2008 il nuovo album „Hanging Bags“, autoprodotto e distribuito è considerato un capolavoro nella scena del Rock-Blues italiana e ha creato molto interesse attorno alla band che ha iniziato un intenso tour estivo in Italia che è stato prolungato per estendersi fino in Canada e negli Stati Uniti dove si è concluso a marzo 2009. Il 4 febbraio a Memphis Cek è salito sul palco dell’I.B.C. 2009 dopo aver vinto la selezione italiana fra i 60 migliori musicisti blues in Italia.

Website

Ford Blues Band

Nel 1968 il percussionista Patrick Ford e suo fratello Robben fondarono la prima versione della „Ford Blues Band“. Non tanto tempo dopo li raggiunse anche l’ultimo fratello Mark e da adesso in poi la band si chiama come l’aveva battezzata il loro padre: „The Charles Ford Band“. Questo progetto però non durò tanto tempo. Al fine degli anni ’80, é stato fondato una nuova versione della „Ford Blues Band“ che aveva, nel frattempo prodotto 5 dischi con diverse formazioni. La band é composta da Patrick Ford alle percussioni, Andy Just all’armonica, che é anche compositore principale e produttore, Scotty Johnson alla chitarra e Dewayne Pate al basso. Pure Robben e Mark Ford suonarono saltuariamente in questa band. Dagli anni 90 la band ha, oltre alla produzione di diversi CD fatto diversi tour in tutto il mondo. Tutte le versioni della „Ford Blues Band“ hanno avuto degli interpreti e talenti eccezzionali che hanno sempre prodotto un blues moderno, speciale e grintoso. Facendo l’elenco degli elementi che hanno composto la „Ford Blues Band“ sembra leggere un elenco Who’s Who della scena blues: John Lee Hooker, Muddy Waters, Fenton Robinson, Brownie McGhee, Lowell Fulson, Charlie Musselwhite, Jimmy Witherspoon etc. etc. La band è comunque rimasta sempre aperta a nuovi influssi ed è proprio quello che dà alla loro musica dinamismo e vivacità.