01.07.2009, Avegno

Mississippi Heat

Vallemaggia, partenza col botto

Era viva l’attesa, non solo in valle, per il via all’ottava edizione del Vallemaggia Magic Blues. Un nutrito gruppo di appassionati si è dato appuntamento per due giorni di fila al Grotto Mai Morire di Avegno, ancora una volta ideale teatro dei concerti di apertura con gruppi di caratura internazionale, a cominciare dai Mississippi Heat dell’armonicista di origine belga Pierre Lacocque, conosciuto e apprezzato anche alle nostre latitudini dagli amanti del blues, visto che il concerto di mercoledì scorso è stato il loro terzo in Ticino in pochi anni. Autentico blues di Chicago il loro set, capace di coniugare con passione e forza la tradizione del sound della “Windy City” dei vari Muddy Waters, Howlin’ Wolf e Jimmy Rogers, abbinandolo con un suono moderno, con spruzzate di rock-blues. La costante presenza nelle varie tournee di ospiti illustri (ultimo in ordine di tempo il grande Buddy Guy) ha permesso a Lacocque e al suo gruppo di evolversi continuamente. Anche ad Avegno non potevano mancare gli ospiti illustri, lo straordinario chitarrista e cantante Carl Weathersby, allievo di Albert King ed ormai considerato l’eminenza grigia del Chicago Blues, che ha strappato applausi a scena aperta per un paio di intensi assolo costruiti su incredibili crescendo e il funambolico batterista, già con Bernard Allison, Andrew “Blaze” Thomas. In particolare evidenza anche la calda voce della graziosa Rhonda Preston, che non ha fatto rimpiangere Inetta Visor, assente per questo tour. I brani presentati sono essenzialmente composizioni di Lacocque, particolarmente apprezzati “Hattiesburg Blues”, “Dirty deal” e “Light from within

Mississippi Heat

Autentico Chicagoblues - tradizionale ma nello stesso tempo contemporaneo – Mississippi Heat é un concetto di una Bluesband, una formazione con la visione di mantenere forza, passione, tradizione e innovazione. Dalla fondazione nel 1991 questo complesso ha dato, cambiando diverse formazioni, diverse migliaia di concerti di quà e di là dall’Atlantico, instancabilmente trascinato dalla costante classe del bandleader Pierre Lacoque. Al suo fianco sono da menzionare l’espressiva cantante nera Inetta Visor e il chitarrista Chris Winters. Il quotidano Chigago Readers ha scritto di loro: „Lacoque é uno dei pochi fisarmonicisti della giovane generazione che ha studiato l’insegnamento di raffinatezza, calma e la costruzione di un assolo dai grandi maestri... ma ha anche imparato la loro selvaggia forza istrumentale“.

Website