22.07.2009, Giumaglio

Hardcore Bluesband, Climax Blues Band

Il gruppo “cult” della Climax Blues Band apre le serate a Giumaglio

L’accogliente piazzetta di Giumaglio ha sempre offerto gradite sorprese agli aficionados del Magic Blues con esibizioni di notevole spessore. Come non ricordare lo splendido concerto dei Tishamingo o le performances di Peaches Staten con Nick Becattini! Non stupisce che per questa edizione del Magic Blues Hannes Anrig abbia voluto due veri pezzi da novanta. Mercoledì sera un gruppo culto come la Climax Blues Band, storico combo britannico formatosi nel lontano ‘69. Sotto la spinta del chitarrista Larry Hunt e del nuovo sassofonista e cantante Johnny Pugh il sound della Climax è risultato accattivante nel ricupero del loro periodo più glorioso (gli inizi), prima della sterzata più commerciale. Una sorta di cerchio ideale che si chiude con il ritorno alle radici. Doverosi quindi gli omaggi ad icone del Blues come Willie Dixon, cui tra l’altro è dedicato l’ultimo lavoro discografico della Climax, e l’esecuzione dei loro “hits”, rielaborati però in chiave blues. Da menzionare il bel medley Locomotive breath (Jethro Tull) e La Grange (ZZ Top). Ad aprire la serata la sorprendente Hard Core Blues Band, gruppo solettese, che ha proposto un solido e ruvido blues-rock, con influenze hard, retaggio del passato dei musicisti della band. Con questo gruppo si è inaugurata nel migliore dei modi la serie di opening acts provenienti dalla Svizzera, novità voluta dagli organizzatori. Siamo curiosi di ascoltare gli altri nelle prossime settimane.

Climax Blues Band

Una delle ultime Cultband britanniche ancora attive – e meglio che mai !

Dopo la morte di Colin Cooper – sassofono, voce, e harp nel luglio del 2008 la band é on tour quest’anno con un repertorio live in parte rinnovato, e con il “nuovo frontman” Johnny Pugh, - ma per i fans con l’abituale “Climaxsound” e le canzoni a loro conosciute. La Climax Blues Band la si può definire senz’altro come una delle ultime Cultband britanniche ancora attive, che ha superato incolume in tutti questi anni tutti gli alti e bassi del music business. Il loro stato di culto lo deve sicuramente in prima linea al fatto che anche dopo diversi grandi successi discografici tra l’altro il loro hit mondiale “Couldn’t get it right” - che, a proposito é stato ripreso recentemente dai Fine Young Cannibals, - sono sempre rimasti fedeli, fino ad oggi alle loro radici.

Website

Hardcore Bluesband

La cosa più importante per la band é che la musica sia celebrata dal vivo nella versione più grezza.

Chi ama il Blues pesante e rauco, é sicuramente felice di poter assistere ad un concerto della Hardcore Bluesband! I cinque musicisti del Canton Soletta suonano dal 2000 il loro autentico e graffiante blues dando anima e corpo. Grazie al loro sfondo musicale (Trashmetal e Hardcore Bands come gli Absurd e i Mad Sox), la loro musica suonata senza compromessi é percipibile e onnipresente.

Website