17.07.2013, Giumaglio

Aynsley Lister, Malina Moye

Vallemaggia Magic Blues continua a veleggiare sulla strada maestra


La due giorni di Giumaglio ci regala un grande Joey Gilmore accompagnato dalla Sean Carney Band e una gradita sorpresa Aynsley Lister mentre l’attesa Malina Moye non incanta.
Nelle ultime tre edizioni Giumaglio aveva regalato il meglio del Vallemaggia Magic Blues (Alvin Youngblood Hart, Robben Ford e la Royal Southern Brotherhood). L'attesa era tutta per l'avvenente Malina Moye, considerata la Jimi Hendrix al femminile (da chi, di grazia?). Lasciamo per favore in pace l'inarrivabile mancino di Seattle. Viste le premesse, detto nudo e crudo, il set della Moye si è rivelato senza spessore. Chitarrista e vocalist mediocre, la musica ascoltata non è stato altro che un funk ripetitivo e stucchevole, con un gruppo che l'accompagnava (ottimi musicisti, sia detto), decisamente miscast. Gradita sorpresa invece Aynsley Lister, che pur mantenendo salda la sua matrice british blues, è riuscito a creare una sorta di crossover, impregnata com'è la sua musica di soul e rock. Il concerto di Giumaglio, nel quale ha presentato parecchi brani dall'ultima fatica Home (il lavoro più convincente ad oggi), ha lasciato soddisfatti i numerosi presenti, al di là di qualche concessione alla musica di facile ascolto. Come chitarrista a volte si è avvertita l'influenza del Joe Bonamassa più bluesy e altre volte hanno risuonato nell'aria echi di John Mayer e di Eric Clapton. Pezzi forte della serata la Purple Rain di Prince, ormai uno standard e Free. La riuscitissima seconda serata ci ha dapprima tuffati nelle paludose acque del delta del Mississippi. A capo della sua valida band Rad Gumbo il pianista e sassofonista John Lee Sanders (in passato ha diviso il palco con Professor Longhair, Dr.John e Jimmy Page) ha deliziato il pubblico con il suo mix di Zydeco e New Orleans soul, nel più perfetto stile della Louisiana, risultando trascinante e "spruzzando" i suoi brani con tutta una serie di brevi citazioni (persino Lady Madonna dei Beatles!). Poi tutti a respirare l'aria della Windy city con Joey Gilmore (voce possente) accompagnato dalla solida band di Sean Carney (intenso chitarrista con assolo ben dosati) a proporre un lungo set di classico Chicago Blues, raffinato, vivo e a tratti scatenato. In conclusione il Vallemaggia Magic Blues continua a veleggiare sulla strada maestra, il pubblico risponde presente e questa settimana a Maggia ci sarà uno dei concerti più attesi, la fantastica Band of Friends, che ci permetterà di rituffarci nel sound magico del mai troppo rimpianto Rory Gallagher. Nella prima serata, tutta italiana, potremo ammirare la voce di Linda Valori.

Aynsley Lister

Chitarrista dallo stile infuocato

Il suo modo di suonare la chitarra ritmica rimanda al giovane Eric Clapton. E’ molto influenzato appunto dal Blues boom, esploso nei primi anni ’60 in Inghilterra, ma è riuscito ad arricchirne il sound con elementi melodici e lirici, per approdare ad un sound estremamente attuale. Infatti il giovane Aynsley Lister è uno dei pochi musicisti che sia riuscito a trasformare il Rock-Blues in qualcosa di nuovo e moderno, venato di Soul ed eccezionalmente vitale. Questo basterebbe per accorrere a Giumaglio ad ammirarlo. La sua carriera musicale è iniziata nel 1998 con un contratto firmato per la Ruf Records. Ha già all’attivo sei albums e due dvd prodotti, tra gli altri, da Jim Gaines (Santana) e Greg Haver (Manic Street Preachers). Dal 2008 è sotto contratto con la Manhatton Records. Ciò gli ha permesso di incidere con musicisti affermati e di vincere diversi premi. Le sue tournees con grossi calibri quali Buddy Guy, John Mayall, Robert Cray e soprattutto il tour con i Lynyrd Skynyrd l’hanno trasformato in una delle grandi speranze della scena Blues-rock, capace di assurgere già a Headliner.

Website

Malina Moye

Girly guitar hero

Come descrivere Malina Moye? Suona la chitarra da mancina (come Jimi Hendrix), canta, compone la musica ed ha l'aspetto di una covergirl! Per l'industria discografica (e non solo) basta ed avanza! Scherzi a parte Malina ha già trovato un suo indirizzo musicale: un mix perfetto di Rock e Soul. Con le sue esibizioni elettrizzanti ha già avuto l'onore di aprire concerti per i Journey e i Boys II Men. Attenta alla propria immagine, ha creato una sua casa discografica e pubblicato il primo CD "Diamond Guitars", che ha entusiasmato la critica specializzata e l'ha catapultata in vetta alle classifiche. Navigando sul suo sito si intuisce il forte carattere e la voglia di riuscire della Moye. E' molto brava a gestire la sua carriera, non lasciando nulla al caso. Ha partecipato anche ad attività benefiche, tra cui il famoso "Charles' Prince's trust", a cui ha donato il suo hit "Hustlers Blues" e di cui è divenuta ambasciatrice. Tra breve dovrebbe uscire un nuovo lavoro "Rock'n'Roll Baby" e con il talento e la grande forza di volontà non ci sono dubbi che Malina raggiungerà in tempo record i suoi obiettivi.

Website