24.07.2013, Maggia

Aldo Banfi & Claudio Bazzari Band, Linda Sings The Blues

La Band of Friends di Gerry McAvoy infiamma la piazza di Maggia

Rory Gallagher da lassù può dormire sonni tranquilli. La sua musica finalmente ha trovato i giusti "eredi", la Band of Friends dello scatenato bassista Gerry McAvoy. Un altro concerto di Maggia che entra di diritto nella bacheca del Vallemaggia Magic Blues!
Stavolta in fase di presentazione siamo stati facili profeti nell'indicare il concerto clou della settimana. Rory Gallagher da lassù può dormire sonni tranquilli. La sua musica finalmente ha trovato i giusti "eredi". La Band of Friends dello scatenato bassista Gerry McAvoy (classe '51 ed adrenalina da vendere) e del granitico batterista Ted McKenna ha messo, come si suole dire, a fuoco e fiamme la piazzetta di Maggia con un concerto che trasudava pura energia e grande voglia di divertirsi e divertire. Dopo Popa Chubby e Walter Trout un altro concerto di Maggia che entra di diritto nella bacheca del Magic Blues. E' toccato al duo acustico di Michael Roach e Johnny Mars l'arduo compito aprire la seconda serata di Maggia. Un mix di country blues, bluegrass, per finire al Cotton Club con Minnie the Moocher (Cab Calloway) quanto proposto dai due veterani! Concerto soprattutto per intenditori. Poi, come detto, il fantastico gruppo tributo all'insuperabile Rory Gallagher, la Gerry McAvoy Band of Friends. Un concerto pirotecnico con i tre a riproporre tutta una serie di brani da brivido (tratti per lo più dal periodo 1973 "Tattoo'd lady" fino al 1979 ("Top priority"), nel più puro e duro stile blues-rock del fenomenale chitarrista irlandese, scomparso prematuramente nel 1994. Fatte le debite proporzioni è risultato comunque all'altezza del gravoso compito il chitarrista olandese Marcel Scherpenzeel, che possiede una voce assai simile a quella di Gallagher. Mercoledì serata tutta italiana con dapprima il nuovo progetto di Aldo Banfi e Claudio Bazzari. Molto conosciuti alle nostre latitudini per la collaborazione con un'infinità di artisti prestigiosi, si sono riuniti per tornare al loro primo amore e riproporre brani originali, composti da Bazzari e una serie di classici blues, molti poco o per nulla conosciuti dal grande pubblico, in un concerto intenso, apprezzato e coinvolgente. Chi si aspettava le "solite" cover trite e ritrite ha dovuti ricredersi! Come sempre sugli scudi la grande bravura dei due leader e del bassista Paolo Costa. A seguire la voce "black" più interessante del panorama della vicina penisola, Linda Valori. Impressionante la somiglianza non solo fisica con il suo idolo, la grande cantane soul Etta James. Con qualche concessione "commerciale" (tra cui cover di Dana Ross e dei Queen(!), concerto dal sapore soul e rhythm'n'blues con brani tratti dal suo ultimo lavoro, il recente Days like this, realizzato a Chicago, nella speranza che possa aprirsi per lei le porte dell'America.



Aldo Banfi & Claudio Bazzari Band

Due Top-sidemen finalmente con un proprio gruppo

Claudio Bazzari (chitarra) e Aldo Banfi (tastiere) per anni hanno messo le loro straordinarie doti musicali al servizio dei migliori musicisti italiani ed europei. La lista dei nomi con i quali hanno collaborato negli ultimi trent’anni è vastissima e non vi è in pratica musicista di grido, soprattutto in Italia, che non abbia mai ospitato in studio uno o entrambi. Bastano due nomi: Lucio Battisti e Mina. Non sorprende che siano molto richiesti ai vari Festival e nei clubs europei. Finalmente i due si sono decisi a formare un loro gruppo, un quintetto, che conta tra le proprie fila, oltre ai due leaders, la cantante Isabella Casucci, il bassista Marco Mangelli e il batterista Alberto Pavesi. L’idea è di proporre materiale originale e non limitarsi a suonare musica altrui. All’attivo hanno già un cd con una musica che assomma tutte le esperienze raccolte in questi lunghi anni di carriera. Un’esibizione da non perdere!

Website

Linda Sings The Blues

Voce da pelle d'oca

La sua voce è ritenuta una delle più "belle" d'Italia. Linda Valori, padre italiano e madre romena è cresciuta nella campagna dell'ascolano, in mezzo a 17 gatti e 72 tartarughe. Si fece notare in diversi song contests e nel 2004 con il suo brano "Aria, sole, terra e mare" giunse addirittura terza al Festival di Sanremo. E' stata paragonata alla grande cantante soul Anastacia e in patria è soprannominata "La regina italiana del blues". Ai suoi concerti Linda riesce sempre a catturare il pubblico, sia che canti in inglese o in italiano, sia che interpreti Aretha Franklin o Bob Marley piuttosto che Zucchero. Lavora anche per radio e televisione, in Jazzclubs con jazzisti, bluesmen o orchestre. Al “Vallemaggia Magic Blues” il suo show sarà incentrato principalmente sul blues, è ovvio! Da non perdere.

Website