20.07.2017, Maggia

Sara Zaccarelli, Wishbone Ash

Wishbone Ash

Le loro esibizioni live sono veri e propri fuochi d'artificio musicali

Certamente il concerto "clou" dell'edizione 2017 del Vallemaggia Magic Blues. Tra i non più giovani chi non ricorda album leggendari degli anni '70 quali l'omonimo "Wishbone Ash" "Pilgrimage" o "Argus". Ora che festeggiano i 45 anni d'attività li possiamo ammirare dal vivo in Vallemaggia. Malgrado i frequenti cambi di formazione (il solo leader Andy Powell è presente sin dall'inizio) la band attuale suona assieme da più di dieci anni (2004, un record per gli Ash), una cosa come 150-200 concerti all'anno, distribuito tra Europa e Stati Uniti e ad ogni esibizione conferma tutto il bene che si legge di loro nelle riviste specializzate. Il sound, sempre basato sul "Twin-guitar sound" di Andy Powell e del bravissimo Muddy Manninen, ha influenzato un'infinità di gruppi rock, quali, tanto per citarne alcuni, i Thin Lizzy, gli Iron Maiden, i Lynyrd Skynyrd e i più recenti Opeth ed ha fatto di loro una vera e propria "Cult-band", con un seguito fedelissimo di aficionados. Anche l'ultima fatica discografica "Blue horizon"(2014) conferma il buon momento del quartetto inglese e la verve sempre ispirata di Powell e soci. Non da meno si deve considerare il fatto che nel corso dei decenni il gruppo ha via via assorbito, facendoli propri, anche stilemi Folk, Jazz, Blues e persino ambient. Un'occasione da non perdere per tutti gli amanti del vero rock d'autore.

Website