Saluti


Venti di magia

Il saluto del Consigliere di Stato Manuele Bertoli

Quest'estate il Vallemaggia Magic Blues festeggia un traguardo importante: vent'anni di esistenza. Il merito di tutto ciò va riconosciuto a tutti e tutte coloro che hanno creduto in questo progetto e, anno dopo anno, hanno contribuito a concretizzare il sogno iniziale, tramutandolo in un'apprezzata e consolidata realtà. Non è impresa evidente portare artisti provenienti da tutto il mondo in una valle del Canton Ticino. A maggior ragione è dunque bello e speciale che ogni anno in Vallemaggia confluiscano venti di magia provenienti da ogni dove, correnti musicali anche diverse che, amalgamandosi, danno vita a serate di gioia, divertimento e spensieratezza. Dopo due lunghi anni di difficoltà, impattanti su tutti noi e sul settore culturale nel suo insieme, questa è una medicina importante per rinfrancare le nostre anime. È un profondo sollievo e un toccasana poter tornare a vivere le emozioni uniche che la musica dal vivo sa regalare e farlo assieme, condividendole in un quadro unico nel suo genere. Il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (DECS) del Canton Ticino non ha mai fatto mancare il proprio sostegno a questa manifestazione e anche quest'anno è presente al vostro fianco. A tutti voi, di cuore, l'augurio per una bella edizione, capace di farci divertire e sognare trasportati dai venti di magia del Vallemaggia Magic Blues.

Manuele Bertoli, Consigliere di Stato
Direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport


Quel lontano gennaio del 2002

Il saluto degli organizzatori

20 ANNI DI MAGIA!!! Chi l’avrebbe mai detto. Ricordiamo ancora come fosse ieri quel gennaio del 2002, quando da pochi anni eravamo Presidente e Direttore dell’allora Ente turistico della Vallemaggia. Quel giorno arrivò Renzo Piezzi, Sindaco di Giumaglio, che ci segnalò un amico di Livia Römer, il signor Hannes Anrig, che aveva un “bel” nome per un concerto in valle. A noi da un po’ di tempo frullava in testa l’idea di “una” grande manifestazione valmaggese sull’arco di tutta l’estate. Incontrammo il signor Anrig che ci presentò il concerto della sua artista, la grande Marwa Wright, regina di New Orleans. Ci volevano 10'000 dollari. Noi dopo aver ascoltato con attenzione rispondemmo… “Signor Anrig, ma al posto di un concerto per 10mila dollari non possiamo farne 4 per 2 mila 500 l’uno sull’arco di quattro settimane?” Hannes con faccia incredula, della serie “ma chi sono ‘sti due”, ci rispose “Si! si può fare”. Ecco, in quel preciso istante ha preso il via la magia. Mettiamo in cantiere la prima edizione, che per nostra fortuna è stata un successo che ci diede lo sprone e la forza per provarci veramente. Nessuno di noi immaginava minimamente che 20 anni dopo saremmo arrivati a questo incredibile ed invidiabile traguardo. Eravamo solo convinti che lavorando bene, con tanta passione ed energia, magari qualcosa di bello sarebbe successo. I primi anni li possiamo definire “work in progress” si provavano nuove idee e varianti e l’anno dopo si modificava la struttura del festival: da quattro si passava a otto settimane, coinvolgendo grotti e altre locations, creando il “Backstage”, così come lo conosciamo ora, raddoppiando le piazze, e così via. A darci forza la fedeltà dei nostri sponsors e la risposta del nostro “magic” pubblico, che oltre a crescere numericamente, ci spronava a far sempre meglio. Di anno in anno il festival continuava a crescere, passando da piccola rassegna a festival internazionalmente riconosciuto. Pensandoci bene, è incredibile la lista degli artisti che hanno calcato i palchi della Vallemaggia in questi primi 20 anni. Delle vere e proprie star! Solo per far qualche nome, in ambito blues, abbiamo ammirato Robben Ford, Walter Trout, Keb' Mo', Philipp Fankhauser, Popa Chubby, Mike Zito, Nine Below Zero, Dana Fuchs, Benny Turner e Nick Moss, e se pensiamo ai concerti “Classic Rock” abbiamo avuto il piacere di avere Status Quo, Uriah Heep, Ten Years After, Manfred Mann’s Earth Band, Anilmals, Canned Heat, Wishbone Ash. Un grazie di cuore va al nostro caro Hannes che, grazie alla sua immensa esperienza, è riuscito a portare in Vallemaggia artisti internazionali di grande richiamo. Il nostro “Magic Blues”, con la sua particolare formula di concerti infrasettimanali sulle più belle piazze della valle, offre qualcosa di diverso, particolare, semplice ed originale. I bambini che giocano sulla piazza, il voler vivere all’aperto tutti assieme, l’atmosfera familiare che si respira, la suggestiva scenografia dei nostri villaggi sono gli ingredienti fondamentali che fanno diventare veramente magico il “Magic blues”. Formula vincente non si cambia! Un grande grazie a tutti i nostri sponsors, partner e inserzionisti che non ci hanno mai fatto mancare il loro prezioso sostegno, ai nostri collaboratori per la passione e l’impegno dimostrato in questo ventennio e un grazie particolare a tutti voi, magico pubblico! GRAZIE!!! Siamo fieri, orgogliosi ed emozionati di festeggiare con tutti voi la ventesima edizione del Vallemaggia Magic Blues 2022 con molti degli artisti che hanno segnato la nostra storia! Un cast stellare per un’edizione eccezionale! Vi aspettiamo tutti in piazza. LET’S PARTY TOGETHER!!! Tanti auguri Vallemaggia Magic Blues

Raffaele Dadò, presidente Vallemaggia Magic Blues
Fabio Lafranchi, co-fondatore e promotore
Stefania Cattaneo, assistente
Producing Team


Vent’anni e non sentirli!

Il saluto dei Granconsiglieri della Vallemaggia

Care e cari appassionati del Vallemaggia Magic Blues, quest’anno, dopo l’edizione ridotta del 2021, avremo l’opportunità di tornare ad apprezzare il nostro piccolo-grande festival open air con un programma completo e, come sempre, con una grande qualità musicale. In più, il Vallemaggia Magic Blues, consapevole di essere entrato di diritto tra le manifestazioni musicali di spessore in Ticino, festeggerà la sua ventesima edizione: un anniversario che premia i promotori e gli organizzatori, ma pure gli sponsor (pubblici e privati), i musicisti apprezzati in questi anni e naturalmente il pubblico, che ha sempre dimostrato fedeltà e partecipazione. Alcune delle più belle e suggestive piazze valmaggesi torneranno ad animarsi grazie ad interpreti nazionali ed internazionali della musica blues. In fondo si tratterà per tutti di un nuovo ritorno alla normalità, che vuole essere anche un auspicio di fiducia nel futuro e un simbolico gesto che si lasci alle spalle il difficile momento legato alla pandemia. Ci ritroveremo forse un po’ cambiati, ma con la certezza che l’essenziale sia la vicinanza dei nostri cuori. Un pensiero speciale va a chi – fra abitanti, appassionati del nostro festival e muscisti – ha vissuto dolore, sofferenza e separazione, a tutte le donne e gli uomini al fronte, impegnati nelle cure, a chi è stato in difficoltà. Sappiamo che la cultura ha pagato un prezzo altissimo durante la pendemia. I musicisti più tecnologici hanno cercato di consolare i propri fan con concerti online dai propri salotti, ma per tutti è stato un periodo di pausa forzata che lascerà il segno. Noi speriamo, grazie al ritmo cadenzato del blues, che questa ripartenza avrà il sapore di una rinascita, la forza della vita che riaffiora, la vitalità della musica che si diffonde come una brezza e che valorizza le nostre piazze. Buon compleanno Vallemaggia Magic Blues!

Samantha Bourgoin, Fiorenzo Dadò e Aron Piezzi
I Granconsiglieri della Vallemaggia


20ma edizione – “20 Years of Magic Blues”

Il saluto Aldo Merlini Presidente dell’Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli

Lasciatemi anzitutto rendere un sentito e doveroso omaggio. Un omaggio alla caparbietà e al coraggio dimostrati dagli organizzatori del Vallemaggia Magic Blues l’anno scorso, quando, nonostante la pandemia e tutte le difficoltà connesse, provando a sperimentare inedite soluzioni decisero di proporre comunque il festival. Onore al merito. Più in generale, mi piace qui ricordare l’audacia e la lungimiranza dimostrati dal team del festival nel corso di tutti i 20 anni della rassegna. Sembra l’altro ieri quando Fabio, Hannes e Raffaele, con il sostegno di Vallemaggia Turismo e della neonata associazione Magic Blues annunciarono la prima edizione. Nessuno, francamente, poteva allora dare per scontato che 20 anni dopo saremmo stati qui a celebrare un anniversario così significativo, a raccontare di una storia che ha avuto molto successo, di un festival che è davvero entrato nel cuore della gente, che ha saputo sempre far fronte ai momenti difficili – il pensiero corre ad esempio alla prematura scomparsa di Hannes Anrig – con determinazione e creatività. In 20 anni sono quasi cinquecento i concerti proposti sulle più belle piazze della valle e a far scorrere la lista degli artisti che vi si sono esibiti - Status Quo, Benny Turner, Popa Chubby, Uriah Heep, Roben Ford, Canned Heat, Keb Mo, Barclay James Harvest, tanto per dire - c’è da restare a bocca aperta. Ancora una volta, tanto di cappello e lunga vita al Magic Blues! Auguro a voi tutti magnifiche serate musicali in Vallemaggia!

Aldo Merlini, Presidente dell’Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli


Una squadra vincente, una giovane tradizione

Il saluto dell’Ascovam (Associazioni Comuni della Vallemaggia)

Da subito entrato nei cuori dei valmaggesi, nel volgere di quattro lustri il Magic Blues si è affermato come un appuntamento cardine dell’estate. Nel corso degli anni le sfide non sono mancate. Forti del sostegno degli appassionati e grazie al supporto di sponsor ed autorità politiche locali, con dedizione, flessibilità e dinamismo i promotori le hanno superate tutte. Una squadra vincente che, anche di fronte alla crisi sanitaria che ha paralizzato interi settori della società, ha saputo reagire lanciando un messaggio positivo e di speranza molto apprezzato. In un clima di grande incertezza, nella primavera del 2021 i promotori del Vallemaggia Magic Blues furono tra i primi organizzatori di eventi a confermare l’appuntamento estivo garantendo alla popolazione locale ed ai turisti una preziosa occasione di svago e socializzazione che per molti ha avuto il sapore di un ritorno alla normalità. La pioggia poi, presenza costante che ha caratterizzato la passata edizione, ha assunto il ruolo di protagonista spegnendo un po’ la voglia di godere del piacere della musica in compagnia. La 20ma edizione servirà a voltare pagina. Le piazze dei paesi torneranno ad essere il palcoscenico di serate di festa vissute al vibrante ritmo proposto da grandi artisti attivi sulla scena musicale svizzera ed internazionale. Noi tutti torneremo ad essere protagonisti di una giovane tradizione da tutelare e da trasmettere nel tempo, di generazione in generazione.

Timo Cadlolo, Segretario Ascovam


Il Locarno Film Festival incontra il Magic Blues

Il saluto di Marco Solari, Presidente Locarno Film Festival

Non poteva esserci anno migliore per far incontrare il Vallemaggia Magic Blues e il Locarno Film Festival. Vent’anni il primo, settantacinque il secondo: due anniversari che mai come in questo momento vanno celebrati con la forza della presenza. Due Festival che potrebbero sembrare opposti e invece sono complementari. Musicale il primo, cinematografico il secondo; da 75 anni ancorato alla città di Locarno l’uno, itinerante per definizione il secondo. Il Locarno Film Festival e il Magic Blues sono due espressioni di vivere e far vivere il territorio, chiamandolo a sé sotto l’immensa vela bianca della Piazza Grande, o andandolo a trovare abitando una notte alla volta le piazze di Cevio, Maggia, Brontallo, Moghegno, Giumaglio o Avegno. Due modi di esplorare e far esplorare il Ticino, da una parte diventandone il centro, essendo per undici giorni teatro e casa del cinema internazionale, dall’altro scoprendone ogni angolo, puntellando di serate blues una valle capace di raccontare perfettamente la bellezza e la ricchezza di questa regione. Regione che è città e storia, valle e natura selvaggia. Cogliendo questo spirito e cavalcando quello indispensabile della collaborazione e contaminazione tra le realtà culturali locali, il Locarno Film Festival ha deciso per questo 2022 di accogliere i propri Partner in Vallemaggia, proprio insieme al Magic Blues presieduto da Raffaele Dadò. Ogni anno, durante le undici giornate d’agosto, il Festival è solito accogliere i propri Partner in un luogo diverso del nostro territorio, per raccontare loro un angolo sempre nuovo della Regione che loro stessi contribuiscono a mostrare al mondo intero, aiutandoci con il loro sostegno ad essere uno dei dieci festival cinematografici più importanti a livello internazionale. E così sarà il prossimo 7 agosto, quando per il suo Ricevimento Partner il Locarno Film Festival incontrerà ad Avegno proprio il Magic Blues. Un evento che è musica nella musica, immerso nella sinfonia naturale di una splendida valle, a cui noi idealmente aggiungeremo le immagini del cinema e della Piazza Grande, distante solo qualche chilometro. Pochi chilometri di una grande regione che sa e continua a voler essere teatro della cultura, con attori così diversi, eppure complementari.

Marco Solari, Presidente Locarno Film Festival


20 anni di Magia 20 anni di Successo

Il saluto di Simone Stoira, Membro del CdA e dell’Ufficio presidenziale dell’Organizzazione Turistica Lago Maggiore e Valli in rappresentanza della Vallemaggia

Un festival che raggiunge la sua 20ma edizione può solo essere sinonimo di grande successo e il Vallemaggia Magic Blues festeggia quest’anno un anniversario veramente importante. Nell’ormai lontano 2002 Hannes Anrig, Fabio Lafranchi e l’allora presidente di Vallemaggia Turismo Raffaele Dadò erano partiti quasi in punta di piedi, in modo discreto e pragmatico, com’è abitudine fare nelle nostre valli. Si era cominciato a suonare nelle piazzette e nei grotti, inizialmente sull’arco di 4 serate. Poi, con il passare del tempo, passo dopo passo, edizione dopo edizione, l’entusiasmo è cresciuto, la manifestazione si è sviluppata, è maturata e ha raggiunto una nuova dimensione coinvolgendo un numero sempre maggiore di persone. Non ci si è mai fermati un momento a compiacersi ma, da un successo al successivo, si è continuato a lavorare per fare ancora meglio. Il Magic Blues è così riuscito a superare anche la pandemia e lo scorso anno, con grande coraggio e assumendosi dei rischi non indifferenti, è stata tra le prime manifestazioni a rimettersi in moto, tornando a portare allegria e divertimento alla nostra gente, come pure ai numerosi turisti che visitano la regione e lo frequentano assiduamente. Sul palco nel corso degli anni si sono succeduti artisti di fama internazionale e giovani di grandi speranze. Tutto questo è potuto accadere per merito del grande impegno e della dedizione dei promotori, di chi ha lavorato con cuore e passione a favore della manifestazione e grazie al sostegno dei numerosi sponsor, tra i quali non poteva certamente mancare la nostra Organizzazione turistica. Il Vallemaggia Magic Blues è entrato di diritto a far parte dei grandi eventi che la regione e il Cantone Ticino sono in grado di proporre e ho la certezza che anche la 20ma edizione sarà un “big-festival”. Il programma promette serate fantastiche: la musica, l’ambiente e la compagnia saranno anche questa volta di grande qualità. L’invito è quindi quello di cogliere l’occasione al volo e ritrovarci tutti assieme per trascorre una MAGICA estate nelle piazzette dell’altrettanto MAGICA Vallemaggia!

Simone Stoira, Membro del CdA e dell’Ufficio presidenziale dell’Organizzazione Turistica Lago Maggiore e Valli
in rappresentanza della Vallemaggia


20 Years of Magic

Il saluto di Heineken Switzerland (Sponsor principale)

Cari amici del blues, Heineken con la birra Eichhof è fiera di sostenere il “Vallemaggia Magic Blues” fin dalla prima edizione. 20 anni di successi che abbiamo avuto l’onere e il grande piacere di condividere con gli organizzatori e con il fedelissimo pubblico che da sempre accompagna la manifestazione. “The Smallest Big Blues Festival”, come l’aveva sopranominato il caro e grande Hannes che purtroppo ci ha lasciato troppo presto, in questi anni è cresciuto notevolmente fino a diventare oggi una rassegna consolidata non solo nel panorama regionale ma nazionale ed internazionale. È incredibile la lista degli artisti che hanno calcato il palco del Vallemaggia Magic Blues in questi primi 20 anni. Delle vere e proprie star internazionali! Dopo 2 anni di pandemia e un’edizione, quella dello scorso anno, purtroppo ridimensionata dalla situazione creatasi il Vallemaggia Magic Blues ritorna alla grande e festeggia il suo 20° anniversario. Siamo molto orgogliosi di essere Sponsor principale fin dalla prima edizione ed intendiamo continuare anche nel prossimo futuro questa strada insieme, consolidando il valore dell’evento per nuovi grandi successi. A nome del gruppo Heineken cogliamo l’occasione per ringraziare Raffaele e Fabio con tutto il loro “magico” team per il sempre ottimo lavoro che rende la rassegna unica nel suo genere. Un grazie particolare al Producing Team, che orfano del caro ed indimenticabile Hannes “The producer” Anrig, da alcuni anni assicurano una programmazione di qualità. Ogni anno anche loro, come prima Hannes, riescono a sorprenderci con grandi nomi del panorama internazionale e con molte novità ma soprattutto con dei gruppi inediti in Svizzera, o addirittura in Europa. Auguriamo a tutti gli appassionati del Blues, di gustare ogni momento di musica nelle suggestive piazze valmaggesi in festa, accompagnati da una buona gastronomia locale magari con una buona fresca Eichhof alla spina. Tanti Auguri Magic Blues! Salute.

Toni Vezzi, Event Koordinator, Heineken Switzerland


Vent’anni di magia con il Vallemaggia Magic Blues

Il saluto delle Banche Raiffeisen del Locarnese e valli (Co-Sponsor principale)

Il Vallemaggia Magic Blues festival è ormai diventato una solida realtà del panorama musicale ticinese, sia a livello qualitativo, sia in termini di rispondenza del pubblico. A dispetto del suo nome, ciò non è il frutto di una magia, bensì il risultato di un serio e costante lavoro dei promotori e di tutti i collaboratori che partecipano da vent’anni al successo della rassegna. È quindi con legittimo orgoglio che il Producing Team può presentare l’edizione numero venti in forma antologica di quanto portato dagli artisti blues chiamati da tutto il mondo a calcare i palchi valmaggesi dal 2002 fino ad oggi. Raiffeisen sostiene con convinzione questa manifestazione perché condivide la scelta di promuovere il nostro bellissimo territorio attraverso un festival musicale diffuso che valorizza piazze e nuclei, unendo popolazione locale e turisti all’insegna della buona musica e di un rilassato divertimento. Le Banche Raiffeisen del Locarnese e valli, sponsor principali del Festival sono da sempre attente alle realtà del territorio e alla Regione in cui operano e crescono per questo motivo sostengono ogni anno innumerevoli attività musicali, culturali e sportive. Dopo due anni, oltremodo sfortunati, il 2022, ne siamo certi, tornerà a gratificare gli sforzi degli organizzatori. Con lo slogan “20 YEARS of MAGIC” confidiamo di poter tornare numerosi a trascorrere serate estive indimenticabili nella speciale atmosfera del Magic Blues. Per i soci Raiffeisen che presenteranno la tessera Member plus alla cassa, la partecipazione al Vallemaggia Magic Blues sarà ancora più piacevole, grazie allo sconto di 5 franchi sul biglietto di ingresso. Member plus è una piattaforma che Raiffeisen, terzo gruppo bancario svizzero, riserva ai propri soci e clienti con una serie di agevolazioni, vantaggi e offerte esclusive per concerti, eventi, festival, musei, ski pass e molto altro ancora. Ogni anno quasi due milioni di soci a livello nazionale e oltre centoventimila nella Svizzera italiana hanno la possibilità di beneficiare di queste numerose agevolazioni. Trovate maggiori informazioni e potete consultare l’offerta completa sul nostro sito www.memberplus.raiffeisen.ch. Auguriamo a tutti i partecipanti di trascorrere delle ore piacevoli nella magica atmosfera del Vallemaggia Magic Blues.

Cristiano Terribilini, Presidente della Direzione
Banca Raiffeisen Losone Pedemonte Vallemaggia


Ricordi di Hannes

Il saluto di Viviane e Hans Borter

Nella nostra casa in Ticino è appeso un foglio di musica fatto a mano da Hannes con la canzone di F. de Rose "When your Hair has turned to Silver". Hannes ha suonato questo pezzo alle nostre “Nozze d’oro” con i Jambalaya Six, spacchettando la sua tromba e suonando insieme. A casa, a San Gallo, c'è un pannello di 1,5 m2 con le foto degli organizzatori del Vallemaggia Magic Blues dei vari anni. Così siamo confrontati con i ricordi di Hannes ogni giorno e ci manca molto. Ancora oggi mi manca molto. Con il Vallemaggia Magic Blues, Hannes si è fatto un monumento. Ogni anno, i ricordi di lui si risvegliano. Siamo grati agli attuali organizzatori per aver continuato l'evento nello spirito di Hannes. Siamo sicuri che sarà felice a modo suo di questo. Abbiamo trascorso molte serate meravigliose al Vallemaggia Magic Blues. Abbiamo incontrato persone fantastiche, che hanno assunto il grande lavoro con una passione che merita ammirazione. Abbiamo conosciuto la magia della Vallemaggia.

Hans e Viviane Borter


Il Magic Blues da vent’anni scalda il cuore

Il saluto di Roberta Iuva, Vicesindaca di Avegno Gordevio

Carissimi amici del Magic Blues, sembra iniziata ieri la prima edizione di questa grande manifestazione , mentre sono passati ben 20 anni! In questi anni il ritmo del Blues ha saputo scaldare il cuore della Vallemaggia! Arrivare ad un traguardo così importate significa trionfo, significa che il Vallemaggia Magic Blues ha catturato e coinvolto con gli anni le anime degli amanti del Blues e non solo! Evento simbolo di ottima musica, gastronomia vita e socializzazione. Dal 2002, questo piccolo grande festival ha accolto sui palchi delle più belle e suggestive piazze della nostra Vallemaggia interpreti nazionali ed internazionali della musica del Blues. In primavera tutti fremono nell’attesa del fatidico cartellone, sempre molto attrattivo e di ottimo stampo. Nemmeno la situazione pandemica ha fermato Fabio Lafranchi e Raffaele Dadò nell’organizzare la 19ma edizione, anche seppur in forma ristretta e particolare, sono riusciti a regalarci momenti magici! Grazie! Un aspetto importante , oltre a musica e divertimento, il Magic Blues, ha saputo creare un grande indotto economico sia diretto che indiretto per tutta la valle. Il Comune di Avegno Gordevio, solito ad accogliere il festival presso l’affascinante piazza di Avegno, lo scorso anno, vista la situazione, ha sposato con piacere la proposta di organizzare alcune serate presso il campetto di Gordevio, che si è rivelato una zona a livello logistico e strategico , molto ideale. Quest’anno avremo il piacere di ospitare il Magic Blues per due serate a Gordevio e due ad Avegno. Vorrei sottolineare l’importanza del sostegno e della sensibilità di tutta la popolazione del nostro comune. Un grande GRAZIE di cuore a tutte le persone che in questi anni hanno contribuito a raggiungere questo grande traguardo che sicuramente non sarà l’ultimo. Tanti auguri e lunga vita al Magic Blues!


Roberta Iuva , Vicesindaca di Avegno Gordevio


Vent’anni di Magic Blues, vent’anni di piazze animate

Il saluto di Andrea Sartori, Sindaco di Maggia

Mi ritengo - nel “mio piccolo” - un fan della rassegna, alla quale mi sento legato e dalla quale traggo orgoglio. Frequento sistematicamente le serate al Blues sin dagli esordi: con gli amici, solo, in famiglia, oppure collaborando quale volontario alle casse d’entrata. Il piacere è da sempre il medesimo: passare una serata negli angoli più caratteristici della Valle (le piazze in primis) profumati d’estate, in compagnia, con il piacevole accompagnamento di artisti d’eccellenza. Ebbene sì. Non sono un appassionato di Blues, ma del “nostro Magic Blues”: un autentico cocktail di incontri, musica, socializzazione, gastronomia, vita. All’affetto personale si aggiunge l’indubbio indotto socioeconomico che il Magic Blues porta alla Valle, turismo e promozione territoriale avantutto, a beneficio di molti settori locali. L’augurio per il futuro è che la popolazione locale si identifichi un po’ di più con rassegna, perché questo è il principale aspetto meritevole di “miglioramento”. Troppo spesso vediamo infatti concerti frequentati in (netta) prevalenza da confederati. Benvengano. Ma mi piace sognare un Magic Blues “fifty-fifty”, tra locali e foresti. Ce la faremo! Lunga vita al nostro festival! 

Andrea Sartori, Sindaco di Maggia


20 anni di Magia in Piazza

Il saluto di Moira Medici, Sindaco di Cevio

Da 20 anni il Vallemaggia Magic blues è diventato un appuntamento ricorrente nella nostra estate in Valle. Dopo i pomeriggi al fiume o lungo i sentieri, immersi nella natura, le serate Magic sulle piazze in bella compagnia … speriamo davvero di poter riprendere normalmente quest’anno questo felice abbinamento! Apprezzato da residenti e turisti dà vita ai nostri villaggi, ricompensa il nostro udito (ma anche il palato!) e raggiunge il cuore sound che c’è in ognuno di noi. Con il passare degli anni questa manifestazione si è sempre più affermata, ospitando artisti di calibro che ne confermano la qualità dell’evento che porta animazione e allegria nelle serate estive e contribuisce ad invogliare residenti e non a visitare e conoscere il nostro territorio. Benvenuti a Cevio e Tanti auguri Magic Blues

Moira Medici, Sindaco di Cevio


20 Anni di magia. It’s magic since 2002

Il saluto di Chiara Donati, Vicesindaca di Lavizzara

Quando i concerti estivi andavano per la maggiore, anche in Vallemaggia si pensò di far vibrare le piazze di paese con delle serate di musica dal vivo all’aperto, sotto le stelle. Va detto che allora, 20 anni or sono, in valle s’era fatta sentire la mancanza di un’iniziativa culturale che riuscisse ad abbracciare tutto il territorio. Fu così che, dalle prime quattro serate di blues organizzate quasi per scommessa, fino all’attuale rassegna articolata in 16 date sparse su tutto il comprensorio, il blues s’è fatto Magic: un appuntamento atteso da tutta la valle, di forte richiamo popolare, immancabile nell’agenda degli eventi della Vallemaggia. In Lavizzara, dalle sue primissime edizioni, il blues aveva inizialmente scaldato la piazza di Prato-Sornico. Come qualsiasi novità di rilievo, anche da noi il festival, dedicato a questo particolare genere nato lontano, nel sud degli USA, ha dapprima suscitato parecchia curiosità. Con il tempo però, l’incantesimo si compì anche nell’Alta Valle, e il blues s’inerpicò per l’occasione fin sul caratteristico pendio di Brontallo. Diventando tappa imprescindibile della manifestazione, Brontallo ha beneficiato così, in tutti questi anni e per merito del Magic blues, di un’importante vetrina a beneficio del turismo d’alta montagna. Allora come adesso, il blues risponde in questo senso al bisogno di tutta la Vallemaggia di convivialità e soprattutto di unità, nel segno della cultura ma non solamente. Tanti Auguri Magic Blues

Chiara Donati, Vicesindaca di Lavizzara


20 Anni di Magic a Brontallo

Il saluto di Giacomo Fiori, Pro Brontallo

Nei primi tempi della mia gioventù, c'è stato un tempo in cui le piccole radio erano nuove sul mercato o nei negozi di elettronica. Eccitato dalla novità, ne ho comprata una per nove franchi e ottanta centesimi. Nel negozio di Locarno, questa piccola radio aveva una ricezione perfetta, ma quando sono arrivato a Brontallo, non aveva praticamente nessuna ricezione. Dopo aver speso tutti i miei risparmi, sono rimasto molto deluso. L'unica stazione che si poteva ricevere era "Rete Due", e la sera c'era un programma di blues in montagna, con il mitico Norman Hewitt, anche se la qualità della trasmissione dipendeva molto dal vento. Da allora, contagiato dal blues, sono andato alla ricerca di dischi e cassette. Ma non so perché il blues non era di moda in Ticino, non c'era praticamente nulla disponibile in quella direzione. Più tardi, probabilmente dopo l'avvento di varie serie di concerti, come il "Blues to Bop" lanciato dal leggendario Norman Hewitt, le cose cominciarono a cambiare, ma molto lentamente. Ho comprato le mie prime cassette in Australia alla fine degli anni Ottanta. In seguito, anche qui le cose sono migliorate e all'inizio del 2000 il nostro grande Fabio ha creato questa nuova istituzione: Vallemaggia Magic Blues - insieme a un altro grande conoscitore del genere: il mitico Hannes. Avevo sentito parlare di lui tramite Norman, ma non lo conoscevo personalmente. Un grande amico che mi ha anche permesso di organizzare concerti privati di questo meraviglioso genere musicale oltre al Magic Blues. Tornando al festival, che ormai è diventato maggiorenne, vorrei ringraziare Fabio per la sua perseveranza, anche dopo la perdita del caro Hannes, e per aver portato i Blues a Brontallo su mia insistenza. Grande Fabio

Giacomo Fiori, Pro Brontallo


Magia del Blues, Magia di una Valle!

Il saluto Mario Timbal, Direttore RSI

Qualcuno ricorderà il claim che, per vari anni, la RSI aveva adottato per sottolineare la propria vicinanza e il proprio sostegno attivo ad iniziative e manifestazioni della nostra regione: “RSI, parte del tuo mondo”. Successivamente lo abbiamo mutato nel più breve e diretto “RSI, con voi”. Entrambi fanno stato della volontà del Servizio pubblico di farsi (anche) vetrina e moltiplicatore di quanto di meglio la Svizzera italiana riesce a proporre in ogni ambito. Il cammino percorso da Vallemaggia Magic Blues è, in questo senso, esemplare e ricalca quello di tante altre rassegne nate grazie all’impegno di uno sparuto gruppo di appassionati e costantemente cresciute tanto nel loro seguito di pubblico che nella qualità delle proposte musicali. Sono quindi particolarmente lieto di brindare alla cifra tonda che il Vostro Festival ha raggiunto e di augurargli, oltre ad uno scintillante compleanno, piena ripresa dopo che l’edizione 2021- partita con le migliori intenzioni e con un cast importante - ha dovuto sfidare contemporaneamente pandemia e una meteo impietosa. Tutti gli appassionati non vedono l’ora di tornare in Valle e, come il sottoscritto, si sono già segnati le date – dall’8 luglio al 7 agosto – in agenda o nei loro smartphone. Del cast e dei singoli concerti sapremo per tempo: di certo non mancheranno perle che si aggiungeranno ai circa 450 artisti che hanno scritto, come indica lo slogan dell’evento, 20 Years of Magic. Non sono però solo le grandi star internazionali a richiamarci in Valle: è anzi, e soprattutto, la formula felice di un Festival che riesce a calamitarci trasversalmente grazie alla bellezza dei luoghi, alla calda accoglienza, alla complicità che si crea tra chi sul palco si esibisce e ai concerti non si limita ad assistere, ma partecipa attivamente. Vallemaggia Magic Blues ricalca, in dimensioni diverse, ma animato dalla stessa contagiosa passione, la storia del Locarno Film Festival, di cui aveva allusivamente ripreso anche la definizione: “The smallest big blues festival in Switzerland”. In effetti, entrambi tagliano proprio nel 2022 un anniversario tondo e sono entrambi l’espressione migliore di una regione come quella del Locarnese e Valli (che è anche mia), capace di allestire un sempre più nutrito calendario di eventi culturali, musicali e artistici di richiamo nazionale e internazionale. RSI, dal canto suo, sarà presente come ogni anno, ripromettendosi di moltiplicare il richiamo delle due manifestazioni e traendone spunto per servizi e approfondimenti in grado di coinvolgere anche quanti, per una ragione o per l’altra, dovessero rinunciare a godersi sul posto qualche indimenticabile serata nelle storiche piazze di Brontallo, Moghegno, Giumaglio, Cevio, Maggia, Gordevio, o Avegno.

Mario Timbal, Direttore RSI

Sponsor principali

Public sponsor