Archivio

  • 2023
  • 2022
  • 2021
  • 2020
  • 2019
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007
  • 2006
  • 2005
  • 2004
  • 2003
  • 2002

2023 - ...The Magic goes on !!! Una XXIa edizione da incorniciare all’insegna della grande musica con una buona partecipazione di pubblico.

Un palinsesto infarcito di parecchi nomi importanti ha regalato momenti di grande musica, consegnando alla storia un’edizione forse la migliore in assoluto, superiore per qualità anche a quella del 20°. Unico neo la meteo non sempre “amica” del Magic Blues!

Il Producing Team per non essere da meno delle edizioni passate ha tolto dal cilindro un programma molto variegato, riuscendo a “mescolare” grandi nomi del passato e del presente con giovani musicisti rampanti, proiettati verso una sicura carriera, se sapranno confermare le positive impressioni lasciate in valle. 

Che si respirasse una gran voglia di buona musica lo si è percepito già a Brontallo in una serata dominata dalla chitarra elettrica con il solido trio di Joe Valeriano e l’esibizione del simpatico LeBurn Maddox, che ha sorpreso un po’ tutti con un set molto eterogeneo, muovendosi con destrezza tra Rock, Soul, Reggae e (un po’) di blues.

A Giumaglio la 5° edizione della European Blues Night ha finalmente convogliato in piazza un nutrito numero di spettatori, certamente entusiasti dei tre gruppi presenti, con particolare menzione per i Muddy What?, un trio capace di proporre un Blues assolutamente innovativo, grazie anche al virtuosismo strumentale e vocale, una delle belle sorprese di questa edizione del Magic Blues, così come lo è stata l’esibizione della sera precedente, purtroppo guastata da una meteo sfavorevole, della band di Peter Karp impreziosita dalla duttile slide di Mark Johnson (Delta Moon). Le quasi due ore e mezza di concerto hanno premiato i pochi coraggiosi che hanno sfidato il maltempo. In apertura un gran Gennaro Porcelli, peccato che il concerto è stato interrotto dalla pioggia!!! (Una vera bomba d’acqua! In 21 edizioni, mai vista così tanta acqua in mezz’ora). 

Le due serate di Avegno si sono rilevate ancora più interessanti di quanto ci si aspettava. Soprattutto la prima con un programma eccellente ed un pubblico molto numeroso. Dapprima grazie al gruppo del chitarrista Patrik Jansson, molto coeso con un sound groovy con venature dark e con un songwriting personale e maturo. In bella evidenza anche il tastierista Erik Harrström. In seguito con la splendida voce di Kyla Brox e la sua grintosa band, con un eccellente Paul Farr alla chitarra. La seconda serata rimarrà impressa grazie all’estro del quartetto di Ghalia Volt, cantante coinvolgente come poche. Curiosità: lo strumento solista in pratica è l’armonica a bocca di Bert Werbroeck, limitandosi la slide e il dobro della Volt ad un certosino lavoro di accompagnamento. Bene in apertura i vallesani The Blues Mystery

L’ampia piazza di Cevio ha ospitato tre serate con mostri sacri quali i Colosseum e il chitarrista dei Motörhead Phil Campbell con i suoi The Bastard Sons (i suoi figli!). Volume alle stelle, schitarrate primordiali e frontman aggressivo quel che basta per mandare in visibilio i numerosi fans del gruppo madre. Un pubblico molto diverso e più giovane da quello “canonico” del Magic Blues ha presenziato al concerto. Altra musica per Colosseum e Matt Schofield che hanno confermato in pieno le loro indubbie qualità artistiche. A dirla tutta i Colosseum hanno pure lasciato di stucco i molti musicisti presenti ad un concerto che di primo acchito alcuni hanno definito il migliore della storia del Magic Blues e forse hanno anche ragione. Essendo comunque un gruppo di nicchia e presentando una musica di non facile ascolto, sorprendente il buon numero di fans presenti. Marco Zappa con il suo gruppo di ottimi musicisti è stato all’altezza della sua fama. Anche la terza serata è da considerarsi riuscitissima. Sul palco i suoni Rock-blues e la grande voce di Flo Bauer e dei suoi Circle of Mud. Un musicista che ha tutti i numeri per sfondare. Matt Schofield è classe pura. Lunghe e calde cavalcate di chitarra, mai sopra le righe, hanno caratterizzato l’esibizione del suo trio, assieme da oltre vent’anni, incredibile nel mondo del Blues.  

Non meritavano gli organizzatori e il fedele pubblico del Vallemaggia Magic Blues di chiudere la rassegna con due giorni sotto l’acqua. Malgrado ciò Maggia ha regalato due giorni di grande musica, merito, dopo il bel concerto in apertura della band di Lilly Martin, di un Tommy Castro strepitoso, chitarrista stellare che ha deliziato il pubblico con un set molto variegato, mai banale, con una seconda parte da “Premio Nobel” per intensità ed emozione. Un mix dinamico di Blues influenzato dagli anni Sessanta, un blue-eyed Soul imbevuto di Memphis e un Rock’n’Roll anche scatenato e divertito, per la serie non si rinnegano i modelli su cui si è costruita la propria musica! Giovedì i due temporali abbattutisi su Maggia hanno quasi quasi caricato di adrenalina i due gruppi esibitisi. Marco Marchi e i suoi Mojo Workers hanno eseguito alla grande il loro repertorio di Blues, Ragtime e Boogie dagli anni Venti agli anni Cinquanta, con il loro approccio innovativo ed emozionante. Infine, il cantante e chitarrista danese Thorbjørn Risager con i suoi The Black Tornado ha chiuso l’edizione 2023 del Vallemaggia Magic Blues con uno stupendo concerto capace di muoversi in scioltezza tra Blues, R&B, Rock, Jazz e Soul. Notevole la coerenza e l’originalità della musica, ma soprattutto è la voce di Thorbjørn a scatenare i critici in ogni sorta di paragone con grandi musicisti del passato. Certamente una delle belle sorprese di questa edizione del Magic Blues. Ma ricorderemo a lungo tutta l’edizione 2023, in attesa che gli organizzatori svelino le carte dell’edizione numero 22. Appuntamento, dunque, a venerdì 12 luglio 2024 a Brontallo. 


Sponsor e partner. Vi ricordiamo che il “Vallemaggia Magic Blues” è promosso dall’omonima Associazione con il sostegno dell`Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli, del Cantone con Swisslos, dei Comuni della Valle e dei numerosi sponsor, che hanno creduto e continuano a credere in “The smallest big blues festival in Switzerland”; lo sponsor principale Heineken, il co-sponsor principale Raiffeisen, affiancati da Hans e Vivian Borter, Polygon, Delea Vini & Distillati, Rapelli SA, Henniez, Azienda Forestale di Cevio, Matthias Tüngler, Elektroplan AG, Azienda Forestale di Avegno, Caffé Carlito, Securitas, HolAp, Pro Brontallo, Clear Channel e L-Sound. Sostengono la manifestazione pure la Fondazione Cultura nel Locarnese, Policentro, Società Elettrica Sopracenerina, Responsiva, Vedova Trasporti, Bibite Romerio, Ticino Gourmet Tour, Macelleria Valmaggese, Tipografia Bonetti, Freidesign e Ticketcorner. I media partner sono laRegione, Radio Ticino, Rete Uno, TicinoBy Night and Day e TicinOnline. A tutti un grandissimo GRAZIE!!!

Comunicato stampa finale

Photo gallery

Sponsor principali

Public sponsor